lunedì 28 dicembre 2009

Bada Bum Bada Bum Cha Cha #5 – Buone Feste

Anzitutto grande affermazione prenatalizia in terra lucchese per le baloncestogirls9697 che hanno vinto 44-48 con una magistrale prestazione in difesa.
Bravissime tutte!

Quindi, visto che siamo a fine anno è tempo di dedicarsi a qualche riflessione.
Ho giocato per oltre venti anni: continuo a pensare, a distanza di tanto tempo, che il calore, gli odori e le chiacchiere dello spogliatoio siano una sensazione unica e impareggiabile.
Nel corso della mia “carriera” ho cambiato per vari motivi tre società, circa dieci allenatori e sicuramente oltre 50 compagne di squadra. Da tutti ho avuto e a tutti ho dato croci e delizie, sorprese e delusioni, momenti esaltanti e amarezze. Non ho mai giocato per qualcuno o a dispetto di qualcuno; belle o brutte, simpatiche o antipatiche, di destra o di sinistra, etero o omo, laureate o ignoranti; ho giocato per il gusto di giocare, di sudare, di combattere, di correre, di tirare, di saltare e di vincere. Ho allenato per trasmettere passione, coscienza, valori, tecnica, divertimento.
Si può decidere di smettere o di cercare altro ma le ragioni devono essere dentro di noi: nessuno, mai risarcirà la nostra rinuncia.

**
Questo post è volutamente in ritardo con il calendario gregoriano, perché nonostante le tante soddisfazioni che sto cogliendo dal mondo virtuale, in questi giorni mi sono piacevolmente abbandonata agli spazi, ai tempi e alle relazioni della vita reale.

martedì 22 dicembre 2009

No Comment

Ehi tu! Si, si è inutile che ti giri, sto parlando proprio con te… stai leggendo, no? Magari arrivi fino in fondo alla pagina. Girelli per i post precedenti. Raramente vai a bracare nell’archivio … ma una sbirciatina …

Allora è la prima volta che passi da questo blog? … uhmmmmm non penso!

Che ti credi di avere a che fare con una sprovveduta? Con una che scriveva i suoi pensieri nel diario personale e lo teneva chiuso sotto chiave in un cassetto? Ti sbagli di grosso!!!!

In vita mia non avevo scritto più di due righe sensate di seguito. Il compito d’italiano è stato il peggior incubo della mia adolescenza e non ho mai scritto la tesi di laurea perché con la bibliografia avevo esaurito tutte le mie idee.

Se ora sono qui è solo ed esclusivamente perché ho un ego smisurato, che ho aspettato di avere una potenziale platea mondiale prima di buttare giù qualcosa.

Che fai ridi!? Guarda che io lo so che ci sei, a me, la grande G mi dice tutto! Non mi nasconde niente … quanti minuti ci metti a leggere una pagina o che stavi cercando come fare una torta allo yogurt e per una serie incredibile di algoritmi sei finito in “ghiaccio sintetico”.

Arriviamo al dunque: PERCHE’ NON LASCI MAI UNO STUPIDISSIMO COMMENTO!!!

Proviamo così: questi sono alcuni pensieri già pronti basta fare copia e incolla.

  1. Che figo questo post!
  2. Grazie per quello che scrivi mi dai sempre nuovi spunti di riflessione!
  3. ;-))
  4. Non sono d’accordo ma ci penso
  5. Sapete solo criticare e lanciare statuette … lasciatelo lavorare. Comunisti!
  6. T.N.L.T.L.C.C.S.

sabato 19 dicembre 2009

Bada Bum Bada Bum Cha Cha #4

Grandissima prestazione delle baloncestogirls9697. Pensate che possa essere strano parlare in questi termini di una squadra che ha avuto il 30% scarso al tiro? Che ha finito il primo parziale con un bel 2-13 ( e i due punti non equivalgono ad un canestro su azione ma due tiri liberi di due giocatrici diverse)? Che nel secondo quarto presa dalla disperazione la coach esseti78 ha chiamato minuto solo per dire che non sapeva cosa dire visto che non stavano facendo niente?

Le baloncestogirls9697 hanno vinto per 39-32. Ma quello che più conta hanno vinto contro la rissosità, contro l'arroganza, contro la polemica, contro un vivere lo sport insano e povero.
Hanno solo e semplicemente fatto quello per cui erano venute GIOCARE.

Abbiamo seguito con il fiato sospeso l'evolversi delle condizioni atmosferiche su Firenze, nel nostro piccolo abbiamo pulito dalla neve con granate di fortuna l'accesso agli spalti (ogni riferimento ad altri sport o ad altre strutture sportive è puramente casuale), abbiamo sfidato il ghiaccio sparato da aeratori anarchici e rumorosi, e non aggiungo altro sulla sfida che si è svolta in campo. Quindi a questo giro il badabum badabum cha cha è anche con i piedi...per scaldarci.

martedì 15 dicembre 2009

Bada Bum Bada Bum Cha Cha #3

Sabato tra le altre cose con le baloncestogirls9697 abbiamo giocato contro la GMV di Ghezzano. Abbiamo perso, ma ci stava; gran bella squadra (quella di Ghezzano): alte, veloci, tecnicamente brave, se proprio si vuole trovare un neo piuttosto imprecise al tiro, ma si sa le giornate storte capitano a tutti.
Io ho arbitrato, per colpa di quella pessima abitudine di non designare sempre gli arbitri nei campionati giovanili. Erano almeno dieci anni che non lo facevo, credo se ne siano accorti tutti. All'intervallo è arrivato ati52 a cui ho lasciato il fischietto, e l'accompagnatore della squadra avversaria ha commentato: "meglio che ognuno torni al suo ruolo...comunque grazie!". Cosa avrà voluto intendere? All'intervallo (cioè fintanto che ho arbitrato) eravamo 30 pari, alla fine abbiamo perso di trenta.

**

Domenica 13 alla palestra della DLF si è svolta la partita mammeblu vs baloncestoseriebseriecuispex di fronte ad un numerosissimo e calorosissimo pubblico. Scopo, raccogliere fondi per l'Ospedale Pediatrico Meyer di Firenze. E' stato tutto molto partecipato, divertente e soprattutto agonistico. Con o senza pelletiche, con o senza fiato, con o senza una vaga idea del gioco della pallacanestro, nessuna ci stava a perdere ... è proprio vero che quando noi donne ci mettiamo in competizione non si riesce a scherzare. La coach eci83 ha abusato del mio corpo, a parte tre giorni di preparazione atletica nel settembre 2008 e un accenno di partita nel giugno 2009 non avevo più mosso un dito. Mi fanno male le gambe da due giorni.
Alla fine tanta, tanta ma proprio tanta roba da mangiare (scopo secondario di questi eventi). Esperienza da ripetere.

domenica 13 dicembre 2009

Scuola-Lab in Piazza


Il governo taglia i fondi per la scuola pubblica e l’amministrazione locale ci mette del suo con disfunzioni e disorganizzazione e allora bambini e genitori scendono in piazza. Non immaginatevi slogan, megafoni e striscioni ma gomitoli di lana, calzini vecchi e mollette di legno; e ancora cartoncini, forbici, gessetti colorati, vasetti di vetro e carta velina.
Questi gli ingredienti della protesta che si è svolta sabato 12 dicembre 2009 dalle 10 nella Piazzetta del Carmine. I laboratori creativi organizzati da alcuni genitori delle scuole primarie e materne Torrigiani Ferrucci, Agnesi e Mazzei hanno avuto come principale scopo quello di raccogliere i fondi necessari per permettere anche quest’anno l’adozione a distanza di due bimbi del progetto Agata Smeralda. Possibilità che con l’ultima riforma della scuola elementare e l’eliminazione pressoché totale delle ore di compresenza era venuta meno.
La sfida lanciata è stata raccolta con molta partecipazione da parte della cittadinanza: almeno 150 tra bambini, ragazzi, adulti e nonni hanno contribuito alla realizzazione di segnalibri, pupazzi, braccialetti, portacandele e soprammobili vari chi con l’incoraggiamento, chi con consigli, chi lavorando. La protesta è diventata festa con la merenda offerta dalla Cooperativa Zenzero e con la tanta allegria e voglia di creare di tutti i partecipanti.
L’impegno non finisce qui perché i lavori verranno esposti e venduti al mercatino di Natale che si svolgerà Lunedì 21 dicembre dalle 15.00 alle 18.30 presso la Scuola Materna e Elementare Torrigiani-Ferrucci e a cui tutti sono invitati a partecipare.

sabato 5 dicembre 2009

Pessimismo cosmico

A grande richiesta torno su Mr. Kaplan. Riuscire a sintetizzare tutto quello che ho ascoltato, imparato, visto e vissuto nella due giorni milanese è cosa titanica. Quindi ho fatto “l’elefante a pezzettini” e lo sto sparpagliando nel web.

Preambolo

La sconfitta più pesante che ho subito nella mia carriera cestistica è stata 122-8 a Livorno, 1979.

Infosys è una azienda americana si servizi informatici. Ogni mese i manager responsabili dei vari settori, dalla progettazione alla produzione, si incontrano per giocare a War Games. Ognuno deve immaginare di essere il suo pari di Sony, Toshiba, Xerox ecc… ; deve pensare e giocare per distruggere la Infosys. Si allenano a costruire scenari, si allenano a trovare soluzioni, si allenano ad essere pronti ai “Cigni Neri”, agli eventi inattesi.

Capitolo Unico

Alla Lehman Brother negli ultimi anni i manager sono stati allenati esclusivamente a tirare da tre: con percentuali d’eccellenza, ovviamente; da tutte le posizioni, ovviamente. Sempre e solo dalla linea dei 3m25 perché è quello che vale di più. Delle macchine realizzatrici di altissimo livello. Indipendentemente da quello che succedeva in campo.

Alla Infosys hanno continuato con i fondamentali: palleggio, passaggio, partenze incrociate, arresti e difesa, ovviamente. Hanno continuato a leggere gli scenari che si costruivano da soli. Fino a quando non c’è stato più bisogno di immaginarseli perché le peggior condizioni si stavano avverando. Loro hanno continuato a giocare con tutti gli strumenti che avevano affinato.

Intanto alla linea dei tre punti si è alzata una muraglia, la pressione sempre più grande, il muro sempre più alto: le percentuali di realizzazione sono precipitate; i Lehman’s manager hanno continuato a forzare l’unica strategia che avevano: il tiro da tre; totalmente incapaci di vedere una diversa alternativa o cercare altre opportunità.

Oggi Livorno si chiama Cina, India, Brasile e quella palestra, lo scenario dell’economia mondiale.

giovedì 3 dicembre 2009

Surreale


Effezeta01: “Una volta mentre la mia mamma guidava gli ha tagliato la strada un motorino e lei ha detto un sacco di parolacce”
Emmeti01:”Anche il mio babbo mentre guida è molto eccitato e dice le parolacce”
Dielle69:”Io non le dico”
Emmeti01:”Te meno, ma le dici anche te … Il babbo ne dice sempre una … (silenzio conta sulle dita) è di nove lettere”
Effezeta01:”Ahhh ho capito (conta sulle dita) ma è di dieci”
Emmeti01: “No è di nove!”
Effezeta01: “Dieci!”
Emmeti01:”Nove!”
Effezeta01: “Dieci!”
Emmeti01: “Mamma vero vaffanculo non si scrive con la qu?”
**
La sera a cena dielle69 a ati52: “amo', la bambina non sa contare…”
Si è verificato un errore nel gadget
 
... ...